Post Blog

Osservatorio astronomico indiano

Osservatorio astronomico indiano

Astrosat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASTROSAT è il primo osservatorio dedicato spazio di multi-lunghezza d’onda dell’India. È stato lanciato su un PSLV-XL il 28 settembre 2015. Importanti aree che necessitano di copertura includono studi di oggetti astrofisici che vanno da oggetti del sistema solare vicina a stelle lontane e oggetti a distanze cosmologiche; studi di temporizzazione delle variabili che vanno da pulsazioni delle nane bianche calde a quelle dei nuclei galattici attivi possono essere condotti con Astrosat pure, con scale temporali che vanno da millisecondi a giorni.

28 settembre 2015 Data di lancio

Lancio del sito Satish Dhawan Space Centre prima Launch Pad, Sriharikota

Veicolo di lancio PSLV-XL

Lunghezza missione 5 anni

Massa 1.650 kg (3.640 lb)

Tipo di orbita vicino equatoriale

Altezza orbita 650 chilometri (400 miglia)

1h38m periodo di orbita

Strumenti

Telescopio ultravioletto UVIT

Telescopio a raggi x molli SXT

Tempi di LAXPC dei raggi x e a bassa risoluzione spettrali studi

Imager CZTI raggi x duri

ASTROSAT scopo

Monitoraggio simultaneo di multi-lunghezza d’onda di variazioni di intensità in una vasta gamma di sorgenti cosmiche

Monitoraggio il cielo a raggi x per i transitori di nuovi.

Sondaggi di cielo nelle bande dei raggi x e UV dure.

Studi spettroscopici a banda larga di binarie a raggi x, AGN, SNRs, ammassi di galassie e coronae stellare.

Studi di variabilità periodiche e non periodiche di sorgenti di raggi x.

Telescopio Himalayan Chandra HCT

Himalayan Chandra Telescope

 

 

 

 

 

 

Situato nella posizione più remota in montagne dell’Himalaya, l’Osservatorio astronomico indiano (IAO) (longitudine 78◦57’510 “E; Latitudine 32◦46’46” N) è uno dei siti più alti per ottica, infrarossi e telescopi a raggi gamma. Situato ad un’altezza di 14.746 piedi sopra il livello del mare, IAO ospita il telescopio Himalayan Chandra (HCT), un ottico di 2.01 tester, telescopio infrarosso che continuamente controlla il cielo notturno, che lo rende il secondo più alto del telescopio al mondo, dopo il Università di Tokyo Atacama Observatory (TAO).

L’Himalayan Chandra Telescope, prende il nome il famoso astrofisico Dr. S Chandrasekhar sorge su Mt. Saraswati nella vasta pianura di Nilamkhul nella valle della regione Changthang Hanle. L’accesso all’Osservatorio che si trova alla vicinanza del confine cinese, richiede otto ore di auto da Leh, la capitale del distretto di Ladakh. Bisognerebbe anche fare domanda per un permesso di linea interno dall’ufficio DC a Leh, trattandosi di area protetta. Questo sito remoto fu scelto nei primi anni 90, a causa del suo deserto asciutto, freddo, cieli senza nuvole e vapore acqueo atmosferico basso contenuto che lo rende uno dei posti migliori per fare ottico, a infrarossi, sub millimetro, millimetro e astronomia a raggi gamma. Dopo l’iniziale site survey e caratterizzazione un telescopio di Himalayan Chandra 2,01 Misuratore ottico, infrarosso di apertura prodotte da EOS technologies Inc Tuscon, Arizona, Stati Uniti d’America è stato installato nella cupola Osservatorio. Il telescopio ha visto la prima luce nel 2000 e da allora è stato usato per studiare l’universo in grande dettaglio. L’HCT dal suo varo ha fornito dati scientifici per gli astronomi che effettuano ricerche in vari campi dell’astronomia. La scienza attuale essendo effettuata con l’uso di questo telescopio include il campo di studio del mezzo interstellare, formazione della stella, giovane Star cluster, ricerca Nova e Supernova, Gamma ray burst, studi di pianeti e cometari e altro temporaneo.

 

Telescopio di raggi Gamma di alta quota HAGAR

High Altitude Gamma Ray Telescope HAGAR

HAGAR è un esperimento di Cerenkov atmosferica con 7 telescopi, ognuno con 7 specchi di area totale di 4,4 mtrs – la zona di 7 telescopi di raccolta di luce totale è così 31 mtrs. I telescopi sono distribuiti alla periferia del cerchio di raggio 50 metri con uno telescopio al centro. Ogni telescopio ha montaggio altazimutale. Ognuno dei 7 specchi in ogni telescopio è guardato da un fotomoltiplicatore sensibili UV. Tutte le sette unità sono installate, e prove di calibrazione sono in corso.

L’Osservatorio di Vainu Bappu VBO

Vainu Bappu Observatory

 

 

 

 

Il Vainu Bappu Observatory (VBO) si trova nel pittoresco quartiere del villaggio di Kavalur, sulle colline di Javadi, nello stato federato del Tamil Nadu. Fondata nel 1970, VBO ospita Carl Zeiss telescopio da 1m e il 2,3 m Vainu Bappu telescopio. Invito a presentare proposte per tempo telescopio su 2,3 m VBT (nazionale) e il telescopio Zeiss di 1m (IIA solo). I cicli di osservazioni sono per un periodo di 4 mesi, e inviti a presentare proposte tre volte l’anno. Il ciclo di tre periodi e le loro scadenze corrispondenti sono i seguenti. L’Osservatorio di Vainu Bappu si trova circa 175 km sud-est di Bangalore e circa 200 km a sud-ovest di Chennai (precedentemente Madras).

Osservatorio di Kodaikanal

Kodaikanal Observatory

 

 

 

 

 

L’Osservatorio di Kodaikanal dell’Istituto indiano di Astrofisica si trova nella gamma bella patatina delle colline nel sud dell’India. È stata fondata nel 1899 come un Osservatorio solare e tutte le attività dell’Osservatorio di Madras sono state spostate a Kodaikanal. Un rifrattore di 20cm all’Osservatorio è usato occasionalmente per cometari e osservazioni di occultazione. A volte anche renderlo disponibile ai visitatori per l’osservazione del cielo di notte. La biblioteca presso l’Osservatorio è uno dei suoi possedimenti orgogliosi. Ha una collezione di letteratura astronomica che è di valore archivistico. La raccolta mantiene una letteratura corrente scheletrico nel solare e solare fisica terrestre.

L’Osservatorio di Gauribidanur

Gauribidanur Observatory

 

 

 

 

Dal 1976, l’Istituto opera un radiotelescopio di onda deformativa congiuntamente con il Raman Research Institute presso Gauribidanur (Latitudine: 13.60 ° N; Longitude:77.44 ° E), a circa 100 km a nord di Bangalore. La Thomas è costituito da 1000 dipoli disposti in un ‘ t ‘ configurazione, con un braccio di 1,4 km est-ovest e un sud 0,5 km. Si è impegnata nello studio delle onde radio a 34,5 MHz che emanano dal sole e vari altri oggetti diversi nel cielo. Le osservazioni più importanti con la matrice fino a data sono: (i) primi immagini bidimensionali delle emissioni radio associato lentamente variabili discrete fonti nella corona solare esterna, (ii) tutto il cielo sondaggio di radiosorgenti a 34,5 MHz nella gamma declinazione ~- 30° S ai 60° N e (iii) linee di ricombinazione carbonio bassa frequenza in sorgenti astrofisiche. Sono state ottenute anche osservazioni dei resti gassosi di esplosioni di stelle e lo spazio apparentemente vacante tra membri di un ammasso di galassie. I principali studi attualmente riguardano Pulsar con un ricevitore di backend nuovo e delicato. Una piccola matrice a banda larga nella gamma di frequenza 35-70 MHz è stato anche operato durante la metà degli anni 1980 presso questo Osservatorio.

Centro di ricerca e formazione nella scienza e nella tecnologia

Centre For Research and Education in Science And Technology

Situato a 35 km a nordest di Bangalore, circa 5 km fuori l’Old Madras Road vicino bar storico, è il campus di 40 ettari tentacolare del centro di ricerca e formazione nella scienza e nella tecnologia, una stazione di campo di IIA, Bangalore. Un impianto di 100 camera pulita di classe, il laboratorio di Manfredini Menon per Scienze dello spazio, è stato istituito, che dispone di strutture per l’integrazione e la calibrazione di payload di spazio.